La passione sconfigge l’indifferenza

di Nicoletta Ariani

Venerdì 7 febbraio alla Fiera di Padova l’aria era elettrica e festosa, oltre 4000 tra bambini, giovani e adulti hanno accolto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha voluto inaugurare l’anno che vede protagonista la nostra città come Capitale Europea del Volontariato. “Padova, Capitale europea del Volontariato – ha esordito il Presidente – Si tratta di un prestigioso riconoscimento alla città,  alla sua cultura di solidarietà, alla storia di donne e uomini che hanno lasciato tracce preziose e aperto strade su cui altri hanno
potuto poi camminare.”

Le centinaia di associazioni presenti lo hanno testimoniato, ognuna con la sua storia e con le sue peculiarità. Tra queste anche il Comitato Genitori del Liceo Fermi era presente!
Da ormai diversi mesi alcuni membri del Direttivo del Comitato Genitori partecipano al Tavolo Cultura Istruzione di questa iniziativa che cerca di trasformare Padova in una città laboratorio. La presenza del Comitato Genitori a Padova Capitale Europea del Volontariato, “organismo autonomo e indipendente, basato sulla solidarietà, partecipazione e collaborazione dei genitori” come recita lo Statuto, è unica nel suo genere. Fin dalla scorsa estate abbiamo sentito il desiderio di partecipare a qualcosa di grande per confrontarci con un orizzonte che va al di là del Liceo e di una singola scuola comunità e di questo ne siamo orgogliosi. Non è certo facile muoversi in un contesto così ampio, dove si fa fatica a portare il proprio contributo e visioni diverse della scuola e dell’istruzione si confrontano. Ma non vogliamo mancare all’appuntamento con la storia e siamo convinti che metterci in relazione con gli altri porterà dei frutti.

In realtà le recenti elezioni per rinnovare i Consigli di Istituto confermano come la partecipazione a tutti i livelli sia in crisi. Una crisi profonda. Anche la partecipazione dei genitori è scarsa come ha sottolineato in un comunicato pochi giorni fa l’Associazione Genitori Articolo 26 (https://www.orizzontescuola.it/scarsa- partecipazione-genitori-organi-collegiali-articolo-26-fondamentale-confronto/ ).

Nel nostro Liceo solo il 5% dei genitori ha votato per eleggere i suoi rappresentanti in Consiglio di Istituto. Occorre riflettere, ma non vogliamo arrenderci lasciando spazio al realismo o al senso di irrilevanza. I ragazzi, i giovani per primi ce lo chiedono.

In questo senso ci siamo sentiti incoraggiati dalle parole del Presidente Mattarella che ha detto “La passione sconfigge l’indifferenza”. E parlando dei giovani ha proseguito dicendo: “Ai giovani si parla anche attraverso gli esempi e la coerenza dei comportamenti. E parlare ai giovani, coinvolgerli, renderli responsabili è lungimiranza. Voi – ha concluso – contribuite a rendere migliore l’Italia e a presentare una prospettiva di autentica crescita civile in tutta Europa. Auguri!”

Ci sentiamo rafforzati a proseguire su questa strada durante l’anno 2020 al servizio della scuola, che è un bene di tutti, e dei nostri ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *