Fine anno, tempo di bilanci

 

Fine anno, tempo di bilanci. A dire la verità il bilancio nella Comunità Scolastica si dovrebbe fare a luglio, ma quello  che sta volgendo al termine, per quello che ci riguarda, nell’arco di tutti i 12 mesi, è stato un anno intenso, carico di impegni e ricco di avvenimenti.

La prima parte del 2019 è stata quasi esclusivamente dedicata al lavoro che abbiamo deciso di donare alla scuola per l’organizzazione e la realizzazione dei grandi eventi previsti per la celebrazione del 50esimo anniversario, una collaborazione totale e incondizionata, una scelta precisa, convinti come eravamo e come siamo, che mettere sotto i riflettori il nostro Liceo sia stato determinante per aprirci alla città, per creare rapporti e favorire relazioni, presupposti indispensabili per richiamare la giusta attenzione sulle esigenze, anche quelle concrete, di una Istituzione così prestigiosa. E così è stato.

Nello stesso periodo non si è comunque fermata l’attività del nostro Direttivo. Un tema per tutti, il progetto qualità, ha comunque tenuto alto il peso specifico della discussione e del confronto con la scuola. Un percorso impegnativo, a volte difficile, sul quale però non rinunceremo a favorire maggiori aperture e nuove soluzioni condivise che portino ad un sostanziale riconoscimento dell’utilità di questa attività.

La seconda parte dell’anno ci ha visto invece impegnati sul fronte dei grandi appuntamenti di democrazia interna, abbiamo infatti organizzato e convocato l’assemblea elettorale per il rinnovo del nostro direttivo e, per la prima volta nella storia della scuola, il Direttivo del Comitato Genitori ha favorito la nascita della lista della componente genitori per il rinnovo delle cariche in Consiglio d’Istituto.

Per queste due importanti consultazioni ci siamo ispirati a idonei criteri di contendibilità, apertura e informazione, ma , nonostante ciò,  la partecipazione dei Genitori è stata un fattore critico, se non addirittura allarmante. 

Pensiamo però non sia utile ora avviare un  processo di attribuzione di colpe e responsabilità, riteniamo invece sia necessario invitare tutti (noi per primi) ad una riflessione generale sul senso di Partecipazione in senso lato. In un contesto esterno così complesso e variabile tornare ad occuparsi della cosa pubblica non è più opzionale rispetto ad altro, ma diventa condizione necessaria affinché la gestione di mondi complessi come quello della scuola trovi soluzioni efficaci ed innovative rispetto all’immobilismo che talvolta ci  condiziona . Riteniamo che questo sia compito, diritto e dovere anche della famiglie.

Il 2020, sarà quindi l’anno in cui questo Direttivo, per quello che ci compete, proverà a ri-costitutire una filiera utile e logica rispetto alle cose, anche e soprattutto concrete, che riguardano ed interessano i Genitori, cercheremo di dare un senso ai rapporti fra Comitato, rappresentanti di classe e componente Genitori in Consiglio d’Istituto, cercheremo di fare in modo che queste preziose e nobili energie non si disperdano nelle micro-rivendicazioni, ma che nella loro specificità, possano contribuire a formare un quadro complessivo di quanto proporremo per il miglioramento della scuola.

L’anno che sta arrivando, infine, ci chiamerà sul terreno dell’impegno sociale. Abbiamo infatti raccolto volentieri la sfida di Padova Capitale Europea del Volontariato 2020 e, in qualità di associazione registrata all’Albo del Comune di Padova, partecipiamo già da qualche mese ai lavori del tavolo Cultura e Istruzione con il preciso obiettivo di contribuire a realizzare un importante Progetto Partecipativo e Formativo, che cercherà di tenere alto, con il contributo di tutti, anche il nome del nostro Liceo.

Auguriamo a tutti i nostri ragazzi, alle loro famiglie e a tutto il personale della scuola un nuovo anno carico di soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *