Lo Sport ci allena alla vita

La bontà di una scuola si misura anche per le attività facoltative che offre in aggiunta a quelle curriculari, fornendo ai ragazzi l’opportunità di cimentarsi ed esprimere le proprie potenzialità in discipline poco considerate sul piano della valutazione.

Basta dare un’occhiata al sito internet del nostro liceo (http://www.liceofermipadova.gov.it/) per renderci conto di quante possibilità vengono fornite ai nostri ragazzi.  Lo sappiamo tutti, il Liceo Fermi di Padova è oramai diventato famoso grazie agli innumerevoli e continui successi conseguiti negli anni dai vari gruppi di robotica spaziale e sociale, ma c’è anche altro.

Lo sport, ad esempio.

In questo periodo molti ragazzi sono impegnati nei Campionati Studenteschi delle varie competizioni sportive e anche qui con risultati eccellenti.  Tanto per citarne alcune, possiamo ricordare le gare di Sci e Snowboard che si sono svolte nel comprensorio del Civetta ad Alleghe (BL) lo scorso mese di Gennaio o la Corsa Campestre  svoltasi presso gli impianti di via Pelosa a Padova ( per entrambi i risultati sono pubblicati nel sito internet della nostra scuola) Non da meno, la squadra di pallacanestro, vittoriosa alla prima gara del prestigioso torneo Reyer School Cup 2017 che si è svolto presso gli impianti sportivi di Montegrotto Terme.

Sono in fase d’avvio le competizioni di pallavolo ed attendiamo notizie delle gare di calcio, Arrampicata Sportiva e gli Scacchi.

Ma qual è il vero valore aggiunto che lo sport offre a ragazzi e ragazze di questa età?

L’attività fisica per sviluppare un corpo sano è certo importante, ma la vera sfida nell’adolescente è lo sviluppo della persona.

L’attività sportiva se praticata a livello agonistico, impone la sostenibilità di ritmi cadenzati che bisogna imparare ad organizzare sapendo attentamente dosare le ore disponibili tra studio, svago e vita sociale. 

Lo sport inoltre insegna a sentirsi parte di una squadra che conta su ogni singolo contributo per riuscire a portare a casa un risultato positivo, insegna a seguire e rispettare l’allenatore, insegna a rispettare le regole del gioco, contribuendo a sviluppare uno spirito di buona e positiva competizione e … insegna pure a perdere.

A questo si aggiunga fisico atletico e minor propensione all’ozio, con tutto quello che nell’età adolescenziale potrebbe comportare. 

Nella vita adulta poi, sarà il mondo del lavoro a richiedere tutte queste qualità che, se sono già state metabolizzate e divenute parte del bagaglio culturale della persona, lasceranno libere le energie di concentrarsi sul cuore del nuovo incarico aumentando le probabilità di successo.

Viva lo sport come allenamento alla vita.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *